049 601290 aas@aclipadova.it

CONTRO LA POVERTÀ EDUCATIVA UN ANNO DI SPETTACOLI TEATRALI E LABORATORI GRATIS NEI COMUNI DELLA BASSA PADOVANA


Febo Teatro vince un bando ministeriale per la promozione della cittadinanza attiva e senso civico. Bambini, ragazzi e famiglie insieme per la costruzione di una “comunità operante” come quella di un alveare.
I comuni coinvolti sono 26: Stanghella, Conselve, Bagnoli di Sopra, Correzzola, Tribano, San Pietro Viminario, Pozzonovo, Anguillara Veneta, Agna, Candiana, Civè, Villa del Bosco, Granze, Solesino, Boara Pisani, Vescovana, Arre, Cartura, Terrassa Padovana, Arzergrande, Bovolenta, Brugine, Codevigo, Piove di Sacco, Polverara, Pontelongo.

Tutti insieme si affrontano le avversità e tutti insieme se ne esce, collaborando attivamente ciascuno per la propria parte alla costruzione della comunità. Ispirandosi al sistema sociale delle api, l’idea progettuale della compagnia teatrale veneta Febo Teatro, specializzata nel teatro ragazzi, ha vinto un importante bando del Ministero per le Politiche della Famiglia “Educare insieme” che le consentirà di portare gratuitamente una serie di iniziative rivolte alle famiglie nei comuni della bassa padovana/saccisica.

Stanghella, Conselve, Bagnoli di Sopra, Correzzola, Tribano, San Pietro Viminario, Pozzonovo, Anguillara Veneta, Agna, Candiana, Civè, Villa del Bosco, Granze, Solesino, Boara Pisani, Vescovana, Arre, Cartura, Terrassa Padovana, Arzergrande, Bovolenta, Brugine, Codevigo, Piove di Sacco, Polverara, Pontelongo: questi i comuni interessati dal bando, con una pioggia di spettacoli teatrali per bambini e ragazzi, laboratori e attività per le scuole e le famiglie, tutti rivolti al contrasto della povertà educativa registrata nell’area,come emerso dai sondaggi.
Il progetto, che sarà presentato nel dettaglio sabato 20 novembre alle ore 11 presso il Teatro Comunale di Bagnoli di Sopra (PD), si distribuirà per tutto il corso dell’anno scolastico.
“L’Alveare delle storie” mira a sviluppare progetti e spettacoli teatrali destinati a bambini e ragazzi di tutte le fasce di età (0-17), con un focus specifico su bambini, famiglie vulnerabili o che vivono in contesti territoriali disagiati. L’obiettivo viene perseguito attraverso il miglioramento della qualità, dell’accesso, della fruibilità, dell’integrazione e dell’innovazione dei servizi culturali che promuovano valori sociali e civili.
“Ancora una volta – spiegano Claudia Bellemo e Nicola Perin, direttori artistici di Febo Teatro – il teatro si presta ad essere strumento efficace di sviluppo sociale, occasione di aggregazione sana per le persone e di riflessione per grandi e piccoli su temi importanti. Stiamo uscendo da un periodo di particolare difficoltà e divisione, che ha visto le famiglie e i bambini particolarmente coinvolti e colpiti da un punto di vista emotivo. Questo ha un impatto ancora più grave nelle aree in cui c’è più difficoltà a costruire una comunità cooperante, se non altro per motivazioni geografiche.Le api ci possono condurre e ispirare nella ricerca di nuove forme di partecipazione e condivisione”.
Fulcro (alveare) di tutto il progetto è il Teatro Comunale di Bagnoli, che è gestito dalla compagnia teatrale Febo Teatro dal 2021.

Tante le attività previste nelle scuole primarie e secondarie di primo grado e nelle scuole secondarie di secondo grado ma sono in programma anche iniziative specifiche per gli adulti come un corso sulle maestranze del teatro e poi l’originale “Apebus” per i nonni che volessero andare a teatro con i nipoti ma non avessero i mezzi. Per tutto l’anno nelle biblioteche del territorio sarà attivo un kit di caccia al tesoro e inoltre ci saranno letture e spettacoli. Ogni evento teatrale sarà accompagnato da un vero e proprio alveare di legno, nel quale i partecipanti potranno inserire i propri materiali (miele). Tutto il materiale raccolto sarà inserito in un libro che sarà “IL MIELE DEL TERRITORIO” e verrà consegnato a fine progetto ad ogni Biblioteca.

ALVEARE DI STORIE: La presentazione del progetto sabato 20 novembre ore 11 Teatro comunale di Bagnoli (PD)

Per maggiori informazioni visitate il sito di FEBO TEATRO