049 601290 aas@aclipadova.it

Si è conclusa la fase di valutazione, da parte della Giuria, degli elaborati partecipanti al Concorso per monologhi teatrali inediti Monologando, di Acli arte e Spettacolo Padova.
Ecco i titoli e gli autori finalisti al Concorso:

Ehi Amica
di Marcello Destro

Insomma, volevo dirti, me ne stavo qui a pensare quanto sarebbe bello se il tempo si fermasse. Solo per un istante, giusto il tempo necessario per riflettere su quanto bello sarebbe se il tempo si fermasse


Eugenia Tesoro mio
di Clara Margani

L’espressione del volto non si vede e, se hai deciso di mandarmi una foto di spalle, significa che non volevi che la vedessi. Tu vuoi che io la immagini


Lagrime de sangue
di Carla Palazzi

Ho tribolato tanto, a cresce un figlio da sola, nun me so’ piegata ai ricatti de chi comandava: padrò, mariti, padri, preti e carabinieri. A testa alta ho cresciuto un figlio bastardo, dicevane, e invece per me era tutto l’oro del mondo


Le Ceneri
di Elisabetta Mauti

Lui lo vedevamo solo la domenica: ascoltava la partita alla radio, andava a pescare. Parlava poco.
Un giorno ha preparato una borsa ed è andato via, senza una parola

Monologando. I finalisti della sesta edizione 1

I finalisti presenteranno ora i loro monologhi al giudizio del pubblico, durante la rassegna Su il Sipario, di cui presto daremo tutti i dettagli.
La cerimonia di proclamazione del vincitore si svolgerà il 26 febbario 2022 presso il Teatro Don Bosco a Padova.
Ci teniamo a ringraziare tutti i numerosi partecipanti che rimandiamo, se vorranno, all’edizione del prossimo anno.
Un ringraziamento particolare infine alla Giuria che ha letto e valutato i monologhi con grande impegno e dedizione: Roberta Lepri, Claudia Bellemo, Marianna Bonelli, Sara Quartarella, Greta Berlese, Paola Zapolla, Miledi Poppi, Renata Rizza Stracquadanio e Gigliola Tonello.

Il Direttore artistico del Concorso
e Presidente AAS Padova
Gianluca Meis

Si precisa che, a differenza di quanto previsto dal bando, la Giuria ha valorizzato con la propria votazione quattro elaborati anziché cinque. La variazione è stata accolta dalla Direzione artistica del Concorso